Non-Profit vs. For Profit Assisted Living per le persone con demenza / malattia di Alzheimer

Ultimo aggiornamento: agosto 16, 2019

Dobbiamo sapere che stiamo prendendo la decisione giusta. Papà richiede assistenza 24 ore su 24 da parte di professionisti addestrati a gestire i sintomi della malattia di Alzheimer. Ma la maggior parte delle nostre opzioni sono a scopo di lucro, e non hanno una cattiva reputazione? Se la loro priorita ‘ e ‘fare soldi, come possiamo sapere che papa’ sta ricevendo le cure di cui ha bisogno?

La linea di fondo

Numerosi studi hanno dimostrato che le residenze assistite senza scopo di lucro forniscono cure migliori rispetto alle residenze a scopo di lucro. Questo include case di cura e comunità di memoria-cura. (Studi qui e qui). Studio dopo studio, nel corso di decenni, ha dimostrato che quando una società di private equity o società assume cura degli anziani, la qualità delle cure declina. Le imprese private a scopo di lucro sono motivate prima di tutto facendo soldi, e abbassare i livelli di personale e ridimensionare le risorse è un mezzo per ridurre i costi per massimizzare i profitti. I for-profit tendono ad avere livelli di personale più bassi e più segnalazioni di indicatori negativi come ricoveri, residenti trattenuti o somministrati farmaci antipsicotici per calmarli e piaghe da decubito.

Questa può essere una notizia scoraggiante se la persona amata ha bisogno di una casa che offre assistenza 24 ore su 24, perché la maggior parte delle case di cura sono a scopo di lucro. Infatti, circa l ‘ 80 per cento delle comunità assistite-living sono a scopo di lucro, e circa la metà di tutti quelli fanno parte di una catena aziendale più grande.

Ma la verità più importante di trovare una comunità di vita assistita o di cura della memoria di qualità per la persona amata è che ognuno è unico e richiede la dovuta diligenza. Mentre è vero che in generale gli studi dimostrano che le organizzazioni non profit sono migliori di quelle a scopo di lucro, ci sono cattive organizzazioni non profit e buone a scopo di lucro, e conoscere la differenza è una questione di prendere tempo e fare lo sforzo di trovare la situazione migliore. (Vedi sotto per domande importanti da porre.)

Lo sapevi? Assistenza gratuita è disponibile per aiutare le famiglie a trovare sia senza scopo di lucro e for-profit assisted living / memory care residenze che soddisfano le esigenze specifiche di un individuo. Chiedi aiuto qui.

Qual è la differenza tra Non-Profit e For-Profit Assisted Living?

Mentre il costo medio mensile per il residente non differisce per le case senza scopo di lucro rispetto a quelle a scopo di lucro, ci sono altre differenze significative. “A scopo di lucro” significa che la struttura assistita, la casa di cura o la comunità di cura della memoria sono in debito con gli azionisti, un proprietario o una società. Più semplicemente: le imprese a scopo di lucro devono fare soldi. Il costo medio della vita assistita, sia a scopo di lucro che non profit, è di 4 4.000 al mese (anche se la cura della memoria costa di più). Quando si paga questo denaro per una comunità a scopo di lucro, una certa quantità di che è il profitto che viene preso a calci la scala.

Non-profit, d’altra parte, non sono motivati a fare più soldi possibile. Il denaro pagato torna nella struttura stessa, perché mentre tutte le comunità incaricate di prendersi cura degli anziani devono seguire le normative statali, le organizzazioni non profit operano secondo ulteriori linee guida che impongono specificamente che nessun profitto vada alle persone al vertice. I soldi che paghi tornano nell’organizzazione. Le organizzazioni non profit devono presentare documenti all’IRS, comprese le entrate annuali, la struttura aziendale e una spiegazione dettagliata di come servono il bene pubblico.

Le organizzazioni non profit sono spesso gestite sotto una dichiarazione di missione, che dovresti assolutamente chiedere per vedere se stai esplorando una potenziale casa per la persona amata. Questi tendono ad essere etnico – o organizzazioni religiose-based, anche se questo non significa che si rivolgono esclusivamente a persone che sono membri della loro particolare etnia o chiesa. Può significare, tuttavia, che le attività sono strutturate intorno alla loro affiliazione. Una residenza religiosa senza scopo di lucro, per esempio, può tenere regolarmente gruppi di preghiera o studi biblici.

Se scegli un’organizzazione no-profit, assicurati che le convinzioni e le preferenze della persona amata siano allineate con la missione della residenza.

Perché la differenza di cura?

L’obiettivo per una comunità di vita assistita a scopo di lucro, in ultima analisi, è quello di riempire il maggior numero possibile di letti. Questo motivo di profitto significa cercare il maggior numero possibile di clienti. Ciò non garantisce che la cura ne risentirà, perché la società potrebbe operare con un budget molto più ampio, ma è semplicemente un fatto che più residenti richiedono meno attenzione da parte del personale.

Le organizzazioni non profit, d’altra parte, non vogliono necessariamente il maggior numero possibile di residenti; vogliono che il numero giusto per la loro operazione funzioni bene. Un altro vantaggio della scelta di un no-profit è che le famiglie sanno che stanno beneficiando della stabilità finanziaria. Puoi credere ai tuoi occhi: se la comunità ha abbastanza corpi nei letti, dovrebbe funzionare senza intoppi, con un’adeguata cura per ogni residente.

Assisted-living care è costoso, con una media di circa $4.000 al mese. Ma ci sono diverse opzioni per aiutare a coprire i costi, tra cui Medicare, Medicaid, e programmi statali. Clicca qui per maggiori informazioni.

Come scegliere una comunità di cura della memoria?

Devi fare i tuoi compiti. Diventa un detective. Le migliori fonti di informazione sono gli stessi membri dello staff. Domande specifiche da porre sono: “Da quanto tempo lavori qui?”(L’alto turnover è un brutto segno.) “Con quanti residenti lavori?”(Un buon rapporto è tra sei e otto residenti per ogni membro del personale, anche se probabilmente possono gestire da 10 a 12 pazienti di notte.) Inoltre: “Qual è il tempo medio di risposta se un residente ha bisogno di assistenza?”(Dieci minuti è standard.)

Trascorri del tempo in qualsiasi residenza che stai considerando e visita in diversi punti durante il giorno. Partecipa alle attività, per vedere come vengono esercitate mentalmente e fisicamente. Mangia un pasto lì.

E se scegli una comunità a scopo di lucro, chiedi al suo ufficio la struttura aziendale. Non lasciarli schivare questa domanda! Quello che stai cercando è se il proprietario ha una partecipazione finanziaria in altre società che forniscono “beni e servizi” alla residenza. Se è così, questa è una bandiera rossa che potrebbe indicare scamming. Operatori di case di cura sono stati catturati overpaying loro altre aziende, mentre la cura dei residenti è diminuita.

Assisted living placement services può aiutare. Oppure possono semplicemente guidare le famiglie verso residenze assistite con cui hanno una partnership di riferimento. Ci sono buoni e cattivi servizi di collocamento e spesso si tratta di un dipendente specifico che fornisce assistenza. Non esitate a utilizzare un assisted living placement services (in quanto sono gratuiti) e non esitate a lasciarne uno e trovarne uno nuovo se il primo non fornisce un’assistenza adeguata.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.