Newby-Fraser, Paula

Triatleta dello Zimbabwe

Paula Newby-Fraser è un otto volte vincitore Ironman Triathlon, e ha vinto 23 Campionati Ironman, più del doppio del numero vinto dai prossimi più grandi campioni di triathlon, Mark Allen, Erin Baker, e Dave Scott. Il Los Angeles Times e ABC “Wide World of Sports” hanno salutato Newby-Fraser come “Il più grande atleta femminile a tutto tondo nel mondo.”

“Competere ha toccato una scintilla in me”

Newby-Fraser è nato a Harare, Zimbabwe, nel 1962. Era la più giovane di due figli. Suo padre, un ricco industriale, trasferì la famiglia in Sud Africa quando Newby-Fraser era ancora giovane; possedeva una grande fabbrica di vernici lì. Newby-Fraser è cresciuto con ricchezza e privilegio, e da bambino ha preso lezioni di balletto e lezioni di nuoto. Ha mostrato un talento per il nuoto presto, vincendo una classifica nazionale sudafricana mentre era ancora al liceo.

Al college, Newby-Fraser ha deciso di prendersi una pausa dallo sport e, di conseguenza, ha guadagnato un po ‘ di peso. Tuttavia, sentiva di aver bisogno di una pausa dal suo intenso allenamento, ed era felice di trascorrere del tempo con i suoi amici, studiando e rilassandosi. Dopo la laurea nel 1984, Newby-Fraser ha iniziato a lavorare a tempo pieno. Decise di perdere il peso che aveva guadagnato e iniziò a correre, parlare di lezioni di aerobica e sollevare pesi. Alla fine di quell’anno, ha sentito parlare di un triathlon che si sarebbe tenuto nella sua città natale. Questo evento, che combina nuoto, ciclismo e corsa, è una vera prova di resistenza. Un full-length, o” Ironman, ” triathlon include un 2.4 miglia di nuoto, un giro in bicicletta di 112 miglia e una maratona completa—26,2 miglia—tutto in un giorno. Il triathlon ha sentito parlare era quasi full-length, ed i vincitori sarebbero andati alle Hawaii per competere in Triathlon Ironman di quell’anno.

Newby-Fraser e il suo ragazzo sono andati a guardare la competizione. La sua reazione iniziale fu che era una cosa ridicola da fare. Tuttavia, il suo ragazzo la convinse a provare l’evento l’anno successivo, e comprarono biciclette e iniziarono ad allenarsi. Otto settimane dopo l’acquisto della bicicletta, Newby-Fraser è entrata nel suo primo triathlon. Non solo ha finito, ma ha vinto, stabilendo un nuovo record femminile per il corso. Ha anche finito tra i primi 10 atleti, maschio o femmina. Tre mesi dopo, ha vinto la divisione femminile del Triathlon sudafricano, e ha vinto un viaggio gratuito alle Hawaii per competere nel famoso Triathlon Ironman lì. Ha detto a Judith P. Josephson in Children’s Digest, ” Competere ha toccato una scintilla in me che non c’era stata per diversi anni. Sembrava di tornare a casa.”

Newby-Fraser non si è allenato molto duramente per questo evento. Non aveva mai nemmeno pedalato 112 miglia in una settimana, figuriamoci in un giorno, e non aveva mai corso una maratona. Il suo piano era semplicemente quello di finire la gara e imparare dall’esperienza. Quando è arrivata alle Hawaii e ha iniziato a fare corsi di formazione lì, si è imbattuta in difficoltà impreviste. Ha avuto problemi con il caldo e con le scottature che ha accumulato dall’essere fuori tutto il giorno. Tuttavia, ha persistito, ed è arrivato terzo nella gara di classe mondiale.

Diventa un triatleta professionista

Rendendosi conto che era solo cinque o sei minuti dietro al vincitore, Newby-Fraser sapeva che se si allenava di più, avrebbe potuto vincere l’evento. Ha anche notato che i vincitori della gara erano atleti professionisti che potevano guadagnarsi da vivere con il loro sport. Dopo aver parlato con i suoi genitori, si è trasferita nel sud della California e ha colpito il circuito di corse. Nel suo primo anno di concorso, ha vinto $25.000.

In California, Newby-Fraser ha iniziato a lavorare con l’allenatore Paul Huddle, che le ha insegnato come allenarsi più duramente. Nel 1986 Hawaii Ironman, è arrivata seconda, dietro Patricia Puntous. Puntous è stato poi squalificato perché aveva redatto durante la parte bicicletta della gara, e Newby-Fraser è stato dichiarato il vincitore.

Nel 1987, Newby-Fraser arrivò terzo nell’Ironman delle Hawaii. Per i successivi otto anni, però, ha vinto il Women’s Hawaii Ironman sette volte, mancando il primo posto solo nel 1995, e ha battuto record nelle porzioni di bicicletta e maratona del corso. Ha anche stabilito un tempo record mondiale di 8: 50: 24, che è ancora ininterrotto. Nel 1993, pur avendo preso sei mesi di pausa per guarire una frattura da stress alla caviglia, ha vinto di nuovo.

Ha vinto di nuovo l’Ironman delle Hawaii nel 1994, e ha detto che la competizione del 1995 sarebbe stata la sua ultima. Mentre si avvicinava al traguardo nel 1995, crollò a 200 metri di distanza. Lentamente e dolorosamente, si trascinò fino al traguardo, attraversando la linea 22 minuti dopo. Anche con quel doloroso ritardo, è comunque arrivata quarta. Nel 1996, Newby-Fraser è tornato alle Hawaii Ironman, finendo primo con un tempo di 9: 06: 40, una grande fine alla sua carriera Hawaii Iron-man.

“Correre è la mia passione”

Nel 1997, Newby-Fraser ha iniziato a correre ultramaratone, gare di 50 km o più. Nel Los Angeles Daily News, ha detto Ronni Ross, ” Correre è la mia passione, il mio preferito dei tre sport. Devi sempre tornare a ciò che ami fare, ciò che ti motiva e ti spinge.”Ha notato che lo sport del triathlon era diventato sempre più commercializzato:” Ci sono i soldi, la politica, è uno sport olimpico.”Ha detto che aveva recentemente lavorato come parte dell’equipaggio di supporto per la sua fidanzata, Paul Huddle, mentre correva il famoso Western States 100, una gara di resistenza di 100 miglia che viene corsa su sentieri. “Negli Stati occidentali”, ha detto, ” Le persone non erano lì per il riconoscimento o il denaro; erano lì per la pura sfida di esso.”La purezza dell’evento era attraente per Newby-Fraser. Entrò nella Ridgecrest High Desert 50K nell’aprile del 1997, e vinse, stabilendo un record di 4 ore e 6 minuti. Anche se ha vinto, ha detto che aveva ancora molto da imparare sulla corsa ultras. “Sto ricevendo un vero apprezzamento e una buona dose di umiltà là fuori”, ha detto a Ross.

Newby-Fraser ha continuato a competere in Ironman Triathlon, e nel 2002 aveva vinto 23 in tutto. In quell’anno, ha vinto il concorso Ironman Giappone all’età di 39, facendo di lei la persona più anziana mai a vincere un Ironman. Rendendosi conto che non poteva continuare a competere e vincere per sempre, Newby-Fraser si ramificò in altre aree del suo sport che non erano così impegnative fisicamente. Con John Howard e John Duke, Newby-Fraser ha fondato la Multi Sport School of Champions nel 1989. Nel 2000, Newby-Fraser e Duke si sono uniti al team di coaching di Paul Huddle e Roch Frey per formare Multisports.com, che fornisce formazione individualizzata e gestisce anche campi di addestramento per triatleti.

Cronologia

1962 Nato in Harare, Zimbabwe
1976-80 Nella scuola superiore, compete come a livello nazionale classificato Sud Africanswimmer; balla anche
1980-84 Frequenta il college; non partecipare a sport
1985 Entra e vince la sua prima gara di triathlon; vittorie della nazionale sudafricana di Ironman; viene nel terzo, alle Hawaii Ironman
1985-presente Compete come triatleta professionista
1987 Dopo aver vinto otto Hawaii Ironman titoli, inizia l’esecuzione ultramarathons
1989 Fonda Multi-Sport Scuola di Champions

“Un Self-Driven Sport”

Newby Fraser ha detto Josephson che una parte importante di essere un mondo di classe triatleta è auto-disciplina e la motivazione. “È uno sport auto-guidato. I triatleti trascorrono molte ore da soli. Se ho intenzione di rimanere in cima allo sport, ho bisogno di alzarmi dal letto e fare l’allenamento. Dipende da me.”Ha anche detto a Ken McAlpine in Runner’s World che è anche importante bilanciare lo sforzo intenso con il tempo di recupero: “Prima di ferirti o essere infelice o bruciato, fai una pausa. Quando tornerai, sarai fresco e desideroso di allenarti. Devi imparare a leggere te stesso, per distinguere il vero esaurimento dalla semplice pigrizia. Mi prendo giorni liberi tutto il tempo.Everyone Tutti ne hanno bisogno.”

INFORMAZIONI DI CONTATTO

Indirizzo: c / o Multisports.com, P. O. Box 235150, Encinitas, CA 92023-5150. Fax: 760-943-7077. Phone: 760-635-1795. Online: www.multisports.com.

Premi e Successi

1985 Vince il Sud Africa Triathlon
1985 Terzo, alle Hawaii Ironman
1986 Vince Hawaii Ironman
1987 Terzo, alle Hawaii Ironman
1988 Vince Hawaii Ironman
1989 Vince Hawaii Ironman
1990 Women’s Sports Foundation Professionale Atleta dell’Anno
1991 Vince Hawaii Ironman
1992 Vince Hawaii Ironman
1993 Vince Hawaii Ironman
1994 Vince Hawaii Ironman
1996 Vince Hawaii Ironman
1996-2002 23 Ironman Triathlon Vince la Carriera
1999 Triathlete Magazine più Grande Triatleta nella Storia

SCRITTI SELEZIONATI DA NEWBY FRASER:

(Con John M. Mora) Paula Newby Fraser Picco di Fitness per le Donne, Umano Cinetica, 1995.

ULTERIORI INFORMAZIONI

Libri

“Paula Newby-Fraser,” Great Women in Sports, Visible Ink Press, 1996.

Periodici

Beck, Martin, “Training Camp,” Los Angeles Times (7 marzo 2001): D11.

Hilgers, Laura, “Out of the Slammer and Into the Swim”, Sports Illustrated (4 novembre 1991): 7.

Josephson, Judith P., “Paula Newby-Fraser,” Children’s Digest (settembre, 1995): 15.

McAlpine, Ken, “Tips From the Top”, Runner World (giugno 1991): 46.

Ross, Ronni, ” Piano del dolore: Fuori dal triathlon, nel fuoco Ultra-maratona, ” Daily News (Los Angeles, CA), (18 dicembre 1997): S10.

“Van Lierde, Newby-Fraser Bag Wins,” Buffalo News (27 ottobre 1996): C12.

Altri

Multisports.com. http://www.multisports.com/ (20 gennaio 2003).

“Newby-Fraser vince Ironman Japan per 23rd Career Ironman Win,” Triathlete Magazine, http://www.triathletemag.com/ (20 gennaio 2003).

Schizzo di Kelly Winters

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.