Nato Fortunato: Giocare a Warren Buffett Ovarico Lotteria

Giovanni Demma
Giovanni Demma

Seguire

Feb 3, 2013 · 3 min a leggere

Warren Buffett dice che era nato fortunato. Essere nato in America, negli anni ‘ 30, senza dover superare barriere di razza o di genere, unito al potere dell’interesse composto, ha permesso a Buffett di accumulare una delle più grandi fortune personali nella storia dell’umanità (che sarà quasi interamente data alla filantropia). Come Buffett ironizza notoriamente, ha colpito la lotteria ovarica.

Sono anche abbastanza fortunato. Immaginiamo, come spesso incoraggia Buffett, che un genio magico mi porti indietro nel tempo al momento prima della mia nascita. Il genio indica una scatola di plexiglas chiaro con miliardi di palline di plastica bianca con numeri neri impressi su di loro selvaggiamente sfornare, e propone un accordo nel suo baritono riverberante, ” Si può prendere la vita che hai attualmente, o si può trarre dalla scatola della lotteria della vita, e prendere una possibilità su una palla che porta ad una vita diversa.”

Che rischio. Nella mia nuova vita, vorrei certamente nascere in America, ma c’è solo circa un 4% di possibilità di disegnare una palla rossa, bianca e blu. Vorrei un’intelligenza superiore alla media e una famiglia che supporti la mia educazione, ma solo l ‘ 8% di quelle vite arriverà con i master. E certamente preferirei non dover cercare di uscire dalla povertà, ma una palla su otto significherebbe che non avrei accesso all’acqua potabile pulita, e metà delle palle significherebbe vivere con meno di $2,50 al giorno. Queste non sono buone probabilità.

“Ho intenzione di mantenere la vita che ho, Genio, grazie comunque.”

” Hmmm. E se ti lasciassi disegnare più di una palla? Ora giocherai alla lotteria delle ovaie?”

Questa sarebbe solo una proposta di valore per me se il genio mi permettesse di disegnare circa 5.000 palline dalla piscina della lotteria! Solo allora sarei probabilmente migliorare la mia situazione, o, in altre parole, solo una persona su 5,000 in questo mondo sono nati con una migliore possibilità di vita di quanto io sia nato con.

Ho dovuto ricordarmi della mia fortuna ultimamente. Come tutti gli altri, io non sono immune dal sentirsi dispiaciuto per me stesso di tanto in tanto, non importa quanto o quanto poco successo relativo destino mi ha conferito. È durante i miei stati d’animo più pietosi che ricordo a me stesso che ci sono circa 4.999 altre persone là fuori che sarebbero state più fortunate se avessero estratto la mia palla dalla scatola della lotteria ovarica. Avrebbero ucciso per avere l’inizio che ho avuto io.

Sicuramente non avrebbero il broncio ad affrontare i piccoli problemi che mi vengono di volta in volta, e scommetto che immaginano che non si lamenterebbero mai delle sciocchezze che mi fanno cadere. Proprio come guardo l’ultra lucky e penso a me stesso — di cosa hanno da lamentarsi? Sono nati fortunati. Beh, non sono gli unici fortunati.

Warren Buffett parlando con un gruppo di studenti...

Warren Buffett parlando ad un gruppo di studenti della Kansas University School of Business (Photo credit: Wikipedia)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.