Costellazioni che potrebbero essere state

Le costellazioni obsolete potrebbero essere scomparse, ma non sono dimenticate. Rivisitiamo le loro brevi glorie e impariamo come trovarle nel cielo del 21 ° secolo.

Gufo degli atlanti Passato
Noctua, il Gufo, ora defunto, si è evoluto da una precedente costellazione aviaria obsoleta. Creato dall’astronomo amatoriale inglese del xix secolo William Jamieson, Noctua si appollaiò alla fine della coda dell’Idra tra Libra e Spica (in alto) in Vergine.
Sidney Hall / Urania’s Mirror

Suppongo che tutte le costellazioni saranno obsolete un giorno, sostituite da revisionisti del lontano futuro o semplicemente così distorte dai moti delle loro singole stelle che il riattrezzamento sarà essenziale. Per ora, abbiamo 88, e questo è il modo in cui sarà per molto, molto tempo.

Questi 88 sopravvissero a un lungo processo di vagliatura che terminò nel 1930 quando i loro confini furono definitivamente stabiliti dall’Unione Astronomica Internazionale.

Le carcasse di costellazioni che avrebbero potuto essere sono state scartate lungo la strada, ma non prima che questi “potrebbero essere stati” avessero avuto il loro giorno, protagonisti di una manciata di atlanti del cielo d’altri tempi durante l’acme della cartografia celeste nei secoli XVII e XVIII.

Vedere e trovare modelli è uno dei più grandi tratti dell’umanità, quindi era naturale cercare nuovi modi per collegare le stelle in parti del cielo che erano ancora territorio selvaggio tra gruppi esistenti. Poiché le costellazioni ormai obsolete occupavano punti relativamente vuoti nel cielo, erano composte da stelle per lo più deboli, poiché quelle luminose erano già state utilizzate per le costellazioni più familiari.

Obsoleto Tri Minus, Hevelius
Nel suo atlas Firmentum Sobiescianum (1690), l’astronomo polacco Johannes Hevelius introdusse due piccole e oscure costellazioni che in seguito caddero sul ciglio della strada: Musca Borealis, la Mosca settentrionale; e Triangulum Minus, il piccolo Triangolo. Usa la mappa qui sotto per trovarli nelle sere di marzo.
Johannes Hevelius
Triangoli accoppiati
Puoi ancora trovare le due aggiunte di Hevelius al cielo autunno–inverno: Musca, la Mosca settentrionale, e Triangulum Minus, il Piccolo Triangolo, vicino al Triangolo non defunto. Entrambi i gruppi sono composti per lo più da stelle di 5a magnitudine, anche se la più luminosa di Musca, l’attuale 41 Ari, brilla di magnitudine +3,6.
Creato con Stellarium

Gli astronomi continuarono ad usare antichi miti come base per i nuovi modelli stellari, ma aggiunsero anche ulteriori riferimenti più moderni, molti dei quali legati alla tecnologia allora attuale, come: Machina Electrica, la Macchina elettrica; Globus Aerostaticus, la mongolfiera; e Officina Typographica, la Tipografia. Dato mano libera nel mondo di oggi, sono certo che Computatrum Novum e Telephonium Portatile farebbero parte del nostro scenario celeste.

Monster Faces the Music
L’Arpa di Giorgio, un’altra costellazione non più in uso, fu creata da Maximilian Hell, direttore dell’Osservatorio di Vienna a metà del 1700. Originariamente chiamata Psalterium Georgium, aveva lo scopo di onorare Giorgio III di Gran Bretagna che era il patrono di William Herschel. Un salterio è un tipo di arpa. Il nome fu poi cambiato da Johann Bode in Harpa Georgium nel suo atlante celeste Uranographia del 1801.
Sidney Hall / Lo specchio di Urania
Mescolando musica e politica
Puoi trovare l’Arpa di George, una scarsa figura di stelle di 4a e 5a magnitudine, nascosta tra Cetus ed Eridanus. L’altra costellazione dimenticata nelle vicinanze è lo scettro di Brandeburgo, introdotto nel 1688 dall’astronomo tedesco Gottfried Kirch e chiamato per la provincia di Brandeburgo della Prussia governata da Federico III. È un altro altro esempio di politica in gioco nei cieli.
Creato con Stellarium

Altri, come Edmond Halley di comet fame, sfruttarono l’opportunità per favore politico e vantaggio. Forse questa fu la sua motivazione per creare la Robur Carolinum (Quercia di Carlo) di breve durata nel 1769, nominando la figura per il re britannico, Carlo II. Pochi sentirono il tonfo quando fu abbattuto 75 anni dopo dal mappatore di stelle francese Nicolas Louis de Lacaille.

Giganti stellari dell'Atlante
A sinistra: Johannes Hevelius (1611-1687), astronomo e cartografo celeste polacco; A destra: Johann Bode (1747-1826), astronomo tedesco e costruttore di atlanti.

L’astronomo tedesco Julius Schiller tentò di liberare il cielo notturno dalle influenze pagane quando creò l’atlante Coelum Stellatum Christianum con figure basate interamente sulla Bibbia. L’Orsa Maggiore divenne la barca di San Pietro e la Corona Boreale, la Corona di spine.

Almeno due dozzine di gruppi defunti tra cui Bufo, il Rospo, e Felis, il Gatto, si aggirano tra le pagine di libri e atlanti redatti da famosi cartografi celesti come Johannes Hevelius e Johann Bode. Ma non hanno fatto il taglio finale a causa della loro oscurità, mancanza di buone relazioni pubbliche o politica inappropriata.

Un luogo in cui un orso poteva raffreddare le zampe
Jordanus, che rappresenta il fiume Giordano, fu creato dall’astronomo e cartografo olandese Petrus Plancius per il suo globo celeste del 1612. Più tardi, questa bella e lunga costellazione fu spezzata in Canne Venatici, Leone Minore e Lince da Hevelius.
ECHO-Berlino
Dimenticato fiume del Nord
Jordanus Fluvius, o il fiume Giordano, una volta scorreva sotto l’Orsa Maggiore. Ora sono tre costellazioni separate: Canne Venatici; Leone Minore; e Lince.
Creato con Stellarium

La maggior parte di noi ha una debole familiarità con due costellazioni precedenti: Argo Navis, la nave Argo, e Quadrans Muralis, il Quadrante murale, dove si trova il radiante della pioggia meteorica Quadrantid annuale. Argo era così grande e ingombrante che fu diviso nelle tre costellazioni attuali: Carina, la Chiglia; Vela, le Vele; e Puppis, il ponte della Cacca (o Poppa).

Il lavoro finale di Tough Guy
Durante la più pericolosa delle dodici fatiche assegnate dal re Euristeo, Ercole afferra Cerbero, un mostro a tre teste che custodiva le porte dell’Ade. Hevelius introdusse la costellazione nel 1687.
Sidney Hall / Lo specchio di Urania
Una brutta manciata
Come con la maggior parte delle costellazioni ormai obsolete, Cerberus è stato creato utilizzando oscure stelle di 4a e 5a magnitudine nelle retrostanti delle costellazioni più luminose. Hevelius lo introdusse nel 1687. Mentre sette delle sue figure hanno resistito alla prova del tempo, questo ha morso la polvere.
Creato con Stellarium

Ho sempre struggito per alcuni degli altri, se non altro perché rappresentano alcuni dei miei animali preferiti — Noctua, il Gufo essendo uno. Ho pensato che sarebbe stato divertente resuscitarli dall’oscurità come i dinosauri di Jurassic Park. Rintracciandoli nel giorno presente (notte!), possiamo rendere omaggio a un po ‘ oscuro di storia astronomica, così come onorare la memoria degli astronomi che hanno cercato, ma non è riuscito a convincere il mondo che aveva bisogno di un gallo, renna, e royal oak nel cielo notturno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.